Collections - Search
Cosa succede in città 4 - 26.2.22

Cosa succede in città 4 - 26.2.22

Un coro unanime difende la “povera” Ucraina attraccata dal “mostro” Russia. Ma è davvero così? Mi arrivano video che sostengono il contrario e parlare degli otto anni di terrore vissuti dalla popolazione russa nel territorio governato da quello che definiscono nazista. Sarà vero? Mio dovere è mostrarli. Come quello di una ragazzina di Donetsk, capitale del Donbass, o di un giornalista francese a cui censurano gli articoli perché non allineati con la narrativa che stanno facendo in Europa e America di questa guerra. Nel frattempo gli USA hanno stanziato 770 miliardi per “difendersi” dagli alieni. Così facendo hanno ammesso ufficialmente che esistono e che ne hanno paura. Perché? Gli alieni sono cattivi? O sono buoni e attaccherebbero i governati della terra che sono loro i cattivi? Ah saperlo. Nel frattempo video mostrano un’attività UFO intensa nei cieli dell’Ucraina con astronavi accanto a bombardieri, quasi e intimare di non sganciare bombe nucleari. Edoardo Bennato canta “A cosa serve la guerra” e Vasco Rossi rispolvera “C’è chi dice no”. Marco Mazzoli dello “Zoo di 105” non vuole giustamente commentare quello che non sa e che non può cambiare esternando le sue opinioni. Nel frattempo ci ha lasciato Gary Brook, cantante, tastierista e leader dei mitici Procol Harum, quelli di “A whiter Shade of pale” o “Repent Valpurgis”. Il finale è sempre divertente. Mi sono imbattuto in una barzelletta che fa capire chi sono a volte quelli che riteniamo guru o santoni che leggono il futuro.